Post

Visualizzazione dei post da 2017

La settimana 47 a Villa Vrindavana

Immagine
Disiscriviti Vedi su Web Eventi e News della settimana L'essenza di ogni insegnamento e' questa: bisogna utilizzare tutto il proprio tempo -giorno e notte- nel cantare e ricordare in modo favorevole il nome divino del Signore, la forma trascendentale, le qualita' e i divertimenti eterni, impegnando gradualmente la lingua e la mente. In questo modo bisogna vivere a Vraja (Goloka Vrindavana-dhama) e servire Krishna sotto la guida dei devoti. Bisogna seguire le orme dei devoti piu' cari del Signore, che sono profondamente attaccati al Suo servizio di devozione. Upadesamrita verso 8

La settimana 46 a Villa Vrindavana

Immagine
Disiscriviti Vedi su Web Eventi e News della settimana Il santo nome, il carattere, i divertimenti e le attivita' di Krishna sono tutti di una dolcezza trascendentale, come lo zucchero candito. Benche' la lingua di una persona affetta dall'itterizia dell'avidya (ignoranza) non riesca a gustare nulla di dolce, e' meraviglioso che basti cantare con attenzione questi dolci nomi ogni giorno, perche' la lingua vi trovi gradualmente un gusto naturale, e la malattia venga estirpata alla radice.Upadesamrita verso 7

La settimana 45 a Villa Vrindavana

Immagine
Disiscriviti Vedi su Web Eventi e News della settimana Essendo situato nella sua posizione originale di coscienza di Krishna, il puro devoto non s'identifica col corpo. Questo devoto non-dovrebbe essere considerato da un punto di vista materiale. In realta', non si deve considerare il fatto che il corpo di quel devoto sia nato in una famiglia inferiore o sia di carnagione sgradevole, che sia deforme, malato o infermo. Secondo la visione ordinaria, queste imperfezioni possono anche apparire importanti nel corpo di un puro devoto, ma nonostante questi difetti apparenti, il corpo del puro devoto non puo' mai essere contaminato. Accade proprio come nel caso delle acque del Gange che talvolta, durante la stagione delle piogge, si riempiono di bolle, di schiuma e di fango. Le acque del Gange non si contaminano mai, e coloro che sono avanzati nella conoscenza spirituale si bagneranno nel Gange sena alcuna considerazione per le condizioni dell'acqua. <